Home

In questo spazio, gestito da Salvatore Colazzo, professore ordinario di Pedagogia Sperimentale dell'Università del Salento, trovano ospitalità alcuni prodotti editoriali a libera consultazione:

- 1)  pubblicazione, realizzata, nella sua versione cartacea, per Armando Editore e qui proposta in digitale, che raccoglie contributi di alcuni tra i principali pedagogisti italiani, che hanno voluto con i loro scritti omaggiare la figura di Nicola Paparella, in occasione dei suoi cinquant'anni di militanza nel campo della ricerca e della didattica.
Per consultare il volume: >>>

- 2) pubblicazione di un saggio, realizzato quale sintesi (provvisoria) di un lavoro compiuto dall'autore nell'ambito di un PRIN (Progetto di ricerca di interesse nazionale), che, sotto il coordinamento di Luciano Galliani, professore di Pedagogia Sperimentale all'Università di Padova, volle ragionare della possibilità di costruire un'ontologia pedagogica, da utilizzare quale criteriologia per organizzare la teoria e guidare la pratica in campo educativo. 
Il saggio viene pubblicato per proporsi al libero dibattito della comunità scientifica.
Chi, leggendolo, voglia discuterlo nel suo complesso, ovvero prendendo di mira un singolo aspetto o più, potrà inviare le sue considerazioni direttamente all'autore, all'indirizzo mail: salvatorecolazzo@gmail.com, il quale provvederà a pubblicarlo in questo spazio.
Per consultare il saggio: >>>

- 3) pubblicazione di un volume realizzata, nella sua versione cartacea, per Guida editori, in cui emergono interessanti prospettive in ordine a progettazione e valutazione degli interventi formativi, a partire dallo studio di un caso concreto "Senza scarti".
Per consultare il volume: >>>

- 4) un intero volume, pubblicato nella sua versione cartacea, per Guida editori e qui proposto in versione digitale, liberamente scaricabile. Si tratta di un testo collettaneo dedicato al possibile contributo della pedagogia allo sviluppo delle comunità rurali grazie alla valorizzazione delle specie locali, contribuendo peraltro con ciò al mantenimento ed incremento dell'agrobiodiversità.
Per consultare il volume >>>

Comments