Sapere Pedagogico‎ > ‎Indice‎ > ‎

Angori

Abstracts
La creatività ha perso il fascino che aveva negli anni ‘70. Costituisce, tuttavia, ancora un importante fattore di sviluppo e di innovazione, e in un momento di difficoltà e di rapidi cambiamenti come quello attuale si torna a fare affidamento su di essa. Il confronto vincente con i competitors, a cominciare da quelli presenti nei settori strategici dell’economia, appare del resto correlato alla capacità di disporre di “buone idee” e di saperle mettere a profitto. Il valore che queste hanno è però sempre più misurato con i parametri dell’efficienza, della funzionalità, della produttività, anziché tenendo conto in primo luogo del contributo che il pensiero creativo offre all’autorealizzazione di ogni persona. Una riflessione pedagogica su questi temi consente di tornare ad interrogarsi sulla ricchezza del potenziale umano e sui compiti che, nei diversi  contesti e momenti della vita, spettano all’educazione.   
Parole chiave: Creatività, Innovazione, Talento, Potenziale Umano, Educazione Permanente.

Creativity seems now less fascinating than it was in the seventies; nevertheless it is still an important engine of innovation and development. In a period of troubles and rapid changing, like the one we are living in now, people and companies once again count on creativity as an important asset. The ability to develop “good ideas” is a key point in competition in many strategic economic areas. However, the value of ideas is nowadays measured more in terms of efficiency, functionality and productivity rather than in terms of creative thinking and human self-realization. A pedagogical reflection on these topics can make it possible to investigate the richness of human potential and the role of education in the different contexts and moments of human life.
Key words: Creativity, Innovation, Talent, Human Potential, Permanent Education

Ċ
Salvatore Colazzo,
10 nov 2010, 13:41
Comments