Sapere Pedagogico‎ > ‎Indice‎ > ‎

Besio

Abstracts
Nel 2001 l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha emanato la Classificazione Internazionale del Funzionamento, della Disabilità e della Salute (nota come Icf) che ha portato nuova linfa in tutti i settori toccati dal tema della disabilità, dalla clinica medica alla pedagogia, dall’economia alla politica. L’ Icf chiama gli operatori del campo e le persone coinvolte ad una vera e propria rivoluzione culturale, che si sposa efficacemente con i principi dell’inclusione – ora diventati diritti riconosciuti dalla Convenzione Internazionale dell’Onu.
I sistemi scolastici, a livello internazionale e nazionale, qualunque sia l’approccio alla scolarizzazione dello studente disabile adottato, devono saper adeguatamente cogliere queste sfide. Dopo aver presentato il quadro attuale in cui si muove la cultura della disabilità, il capitolo discuterà criticamente i possibili usi dell’ Icf nella scuola italiana, per rafforzare e rinnovare la trentennale esperienza di integrazione.
Parole chiave: Icf, Processo Inclusivo, Disabilità, Progetto “I Care”.

In 2001 the World Health Organization launched the International Classification of Functioning, Disability and Health (known as Icf) which introduced new lifeblood in all the disability study fields, from medical clinics to pedagogy, from economics to politics. Icf asks all the professionals and the people involved to make a real cultural revolution, strictly related also to the principle of inclusion – now recognized as a right by the 2006 UN International Convention.
The school systems, at international and national level, whatever the adopted educational approach, should find suitable answers to these challenges.
After a general framework of the present culture of disability, the chapter presents a critical overview of the possible uses of Icf in the Italian school, to reinforce and renew the trentennial experience of integration of students with disabilities.
Key words: Icf, Inclusive Process, Disability, Project “I Care”.

Ċ
Salvatore Colazzo,
10 nov 2010, 13:51
Comments