Sapere Pedagogico‎ > ‎Indice‎ > ‎

Damiano

Abstracts
Jean Piaget, nonostante la notorietà internazionale delle sue concezioni innovative, è stato seriamente frainteso da non pochi di quanti si sono impegnati nell’interpretazione e applicazione delle sue teorie. 
Ancora recentemente, molte pubblicazioni sulle teorie piagetiane, non importa se laudative o critiche, sono state prodotte da psicologi e pedagogisti, mentre Piaget non è stato in prima istanza né psicologo né pedagogista. Il suo interesse per i soggetti in età evolutiva deriva solo dalla necessità di studiare lo sviluppo della conoscenza nell’intento di comprendere nel suo insieme la natura del pensiero: le sue motivazioni sono state primariamente filosofiche ed epistemologiche e lo stesso Piaget non ha mai mancato di sottolineare i suoi orientamenti epistemologici. Questo saggio argomenta il contributo dello strutturalismo genetico di Piaget alla unitarietà del sapere e al superamento delle controversie tra scienze naturali e scienze umane.    
Parole chiave: Epistemologia, Strutturalismo, Strutturalismo genetico.

Jean Piaget, although internationally acclaimed for his revolutionary ideas, has been seriously misunderstood by many of those attempting to interpret his theories and apply them. 
Until recently, most books and articles on Piaget’s theory, whether laudatory or critical, were written by psychologists and educationists, while Piaget was not in the first instance either an educationist or a child psychologist. His concern with children stemmed  from the necessity, as he saw it, to study the development of cognition in order to grasp the nature of thought as a whole: his motives were primarily philosophical and epistemological and Piaget himself always emphasized his epistemological orientation. 
This article discusses the contribution of Piagetian genetic structuralism towards the unification of knowing and the overcoming of the controversies between natural and social sciences. 
Key-words: Epistemology, Structuralism, Genetic Structuralism.

Ċ
Salvatore Colazzo,
10 nov 2010, 13:24
Comments